giovedì 27 marzo 2008

Sti Cinesi! - 1° parte: Lezioni di bon ton

Non posso non partire dalla descrizione delle persone con le quali vivo ogni giorno, volente o nolente.
Ovviamente ogni popolo ha le sue manie e le sue usanze, cose che ovviamente sono derise da altri popoli. Ciò che per noi è strano o maleducato, per l'altro può ovviamente essere normale o perfino educato. Diciamo che molti dei luoghi comuni riguardo le "usanze" cinesi hanno un discreto fondamento: ho voglia di parlarne in modo scherzoso, senza altri intenti che non siano i sorrisi!

Se siete schizzinosi e amanti del perfetto bon-ton francese non invitate mai un cinese a casa, a meno che non siate sicuri che abbia imparato le nostre maniere!

Durante il pasto i cinesi non stanno dritti sulla sedia portando il cibo alla bocca per mezzo delle posate: non si può fare coi bastoncini dato che spesso servono per "raccogliere" più che afferrare e non si può fare con le loro pietanze brodose tipo i noodles o le tagliatelle. I cinesi mangiano con la testa sopra il piatto e fanno tutti quei rumori che disgustano la maggior parte degli occidentali: bevendo il brodo risucchiano rumorosamente, come anche per ingurgitare quintali di bollentissimi noodles che, in pratica, aspirano avidamente dalla tazza dopo essersi messi in bocca una delle estremità. Non date loro dei maleducati: qui è maleducazione non fare rumore e lo chef sarà tanto più contento quanto più rumore sentirà dalla sala mensa!!

E poi amano sputare, ma proprio tanto, non riescono a farne a meno! Sputano ad ogni angolo di strada, sputano camminando, subito prima di entrare in un qualsiasi edificio, mentre vanno in bici (addirittura ho visto dei virtuosi che sono stati in grado di scaricarsi pure il naso durante la pedalata...no comment!). Davanti alla camera dove alloggio è posizionato un bel cestino che ormai ho soprannominato "cloaca", e che è responsabile di tanti miei sussulti, in quanto chiunque passa da quel corridoio non resiste e si sfoga in un rumorosissimo

"AAAAAAAAACCCCCCCCHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH"
...che quasi vien voglia di imitare, tanto è palpabile la sddisfazione dell'esecutore! Perfino nei ristoranti sento camerieri e cameriere che non lesinano eccezionali performance in tale sport, con la viariante di "centro del bersaglio (cestino) dall'alto" che può sostituire la specialità "lancio del...".
C'è da dire che questo è un costume che (purtroppo?) sta per scomparire: vuoi che ci si è ricordati che sputare in luoghi pubblici è un buon metodo per diffondere la tubercolosi/sars/xyz, vuoi che qualcuno si sia accorto che agli stranieri fa un po' schifo e in tempo di Olimpiadi questo aspetto porta sfortuna (e ultimamente il governo cinese ci tiene a evitare "ulteriori" polemiche), sta di fatto che stanno comparendo cartelli che invitano a non sputare per terra pena una sanzione!

Non è vero che ruttano a tavola! O almeno io non l'ho mai sentito fare, evidentemente è un vezzo prettamente giapponese dare le stelline di gradimento alla cena con un voto che va da 1 a 3 rutti! ^________^

Per strada, sia che voi siate in auto, bicicletta o a piedi o in carrozzina, date la precedenza a CHIUNQUE! Sulle strade cinesi hanno tutti ragione, sia quegli automobilisti che ti tagliano la strada durante un sorpasso, sia quelli che sono infastiditi del fatto che un pedone stia attraversando la strada sulle strisce, sia i centauri in bicicletta che stanno viaggiando in controsenso (si, qui ci sono le piste ciclabili che, teoricamente, hanno un senso di marcia!) e ti fanno rischiare la vita.



E chi più strombazza più ha ragione, quindi se vi capiterà di fare un salto a Pechino aspettatevi una città rumorosissima per l'enorme numero di clacson suonati contemporaneamente, anche senza motivo apparente. Evidentemente i cinesi seguono la morale confuciana anche sulla strada: "al mattino, appena alzato, dai uno schiaffo alla tua moglie e alla tua serva, anche se non ne conosci il motivo: loro lo conoscono".

I cinesi amano tantissimo presentare il loro biglietto da visita, lo vedono come un vezzo "figo" che li avvicina al mondo occidentale: ve lo presenteranno con due mani tenendolo agli angoli, stringendolo fra il pollice e l'indice (giuro, è una sorta di rituale!). Dovete afferrarlo nell'identico modo... E non fate i maleducati mettendolo in tasca senza guardarlo, per loro è offensivo da morire! Dovete leggerlo con molta (ipocrita) attenzione e poi riporlo in un posto sicuro (meglio il portafoglio o il taschino) :)





c'è da dire che non sono campioni di pulizia e di ordine. Gli odori che provengono dalle strade un po' più vissute e dagli edifici un po' più vecchi non fa venire in mente cavalli bianchi che corrono su cascate spumeggianti come nelle pubblicità dei nostri bagnoshiuma! Non è raro trovare ristorantini improvvisati sui ciglioni delle strade che preparano preoccupanti manicaretti in preoccupanti pentolami!!




Una cosa che ho notato con grande sorpresa è che la popolazione maschile non ama uno degli sport preferiti dai maschi italiani: lo "aggiustamento del pacco". Noi, si sa, siamo maestri e abbiamo diverse specialità anche in questa disciplina semi-olimpica. C'è l'aggiustamento "conclamato e ostentato" con la mano che afferra il "fastidio" da sopra i pantaloni all'altezza della cerniera, quello "spudorato ma efficace" che prevede l'inserimento della mano da sopra la cintura dei pantaloni per farla scivolare "in loco" e quello "discretoquasinascosto" che richiede anni di pratica e una buona manualità tecnica e vede la mano agire da dentro la tasca così, se eseguito alla perfezione, nessuno se ne accorge e non si reca disturbo al prossimo.

Insomma, mi si perdoni la digressione, i cinesi non "se l'aggiustano"...non voglio esprimere maligne ipotesi a riguardo, però care donne sappiate che se siete stanco della rozzezza del vostro uomo la Cina è probabilmente il posto che fa per voi!

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

19 commenti:

Sara ha detto...

tremendi!!!! ahahah :)

Luca ha detto...

La volta buona che ti arrestano :D

Anonimo ha detto...

Intanto, caro il mio coso, smetti di fare finta di avere una barba da radere (puoi provare con i sempre utili iNpacchi di gvano di piccione, ma temo che nel tuo caso abbiano successo). Poi mi speighi come mai hai cosi' sagacemente notato il mancato mantrugiamento delle parti basse ad opera dei Cataiani (o cataiesi)? Non sara' per la tua naturale inclynazione allo sturm und drang und sprang?
Ciao testa a ogiva!
France

Giorgiorgio ha detto...

caro il mio coso Lei lo dirà ai suoi cari cosi eh, non cominciamo a fare i gagaroni!!

il gVuano di piccyone li ho già provati, ma al posto della sTiuma da barba! Ora la mia pelle è sicura e fresca! :)

Non lo so perchè l'ho notata sta cosa dell'aggustamento del pacco, ma oh, dici che mi devo preoccupare?!? :)

Fabio Pagni ha detto...

giorgio si conferma un accivffa systole professionista anche in trasferta agli antipodi :D

Stefano ha detto...

seguo con attenzione i tuoi commenti sugli usi e (s)costumi dei cinesi...

ai tempi del dottorato in inghilterra ho convissuto con una cinese sfrangiauallera e so bene quanto possa essere difficile

posta altre foto!

Anonimo ha detto...

bella l'idea del blog!!! ma a 'sti punti volgio veder qualche foto!!! per vedere se ti sei ambientato tra sputatori e ravanatori mancati!
eheheh
:-)
veró

lucia ha detto...

anche in india guidano col claxon. una roba incredibile. neanche a pisa guidano così male! :)
e, frequentando stranieri da tempo, (e stranierE) vi garantisco che sta cosa dell'aggiustamento pacco sconvolge le ragazze straniere che lo notano subitissimo, e non perchè siano maliziose, perchè siete troppo plateali!!!
:)
attendo altre notizie cinesi, caro il mio sbarbatello!

Giorgiorgio ha detto...

Nemmeno in Germania se l'aggiustano?? Vabbè, vorrà dire che ognuno mostra quello che ha!!

:)



tranquilla che di notizie sui cinesi e sulla Cina ne ho vai, 'un dubità!! ^___^

Lara ha detto...

Mi spieghi cosa fai nelle foto dove sembra che balli e canti?? bho.
Comunque come ti ho già detto non prendere brutte abitudini!!e GANZO questo blog

daniela ha detto...

...io invece mi chiedevo: il segno di vittoria è un'usanza orientale o un tuo tentativo di occidentalizzare i cinesi?!?!
:D

Giorgiorgio ha detto...

per Lara: ehm...poi ne parlerò in un post apposito, se troverò il modo di sconfiggere la vergogna! :)
In pratica c'è stata una serata nella quale ogni classe di studenti del corso di cinese che stavo seguendo doveva esibirsi in una breve "performance"...

:)))))



Per Daniela: Occidentalizzare i cinesi?!? Tutt'altro! Orientalizzare me! Il segno di vittoria è per naturalizzarsi meglio e confondersi nella folla! Non c'è foto che non facciano con quel segno!
^________^

daniela ha detto...

Beh, questo allora è segno di un lato gioviale dei cinesi... buono a sapersi! :)
Conoscevo solo quello stacanovista... Considerato il fatto che nella quiete delle domeniche pisane l'unico segno di vita(ad ogni ora!!!)è il loro... negozi aperti e continuo carico e scarico di merci! :S

Fabio ha detto...

in realtà per Giorgio la V sta per Vicopisano ^___^

Giorgiorgio ha detto...

oioi, m'hai fatto morì!! Vabbè, non replico, sarebbe solo sciupare la tu battuta!! :D :D

Conte Ejacula ha detto...

Stò ancora rigozzando la colazione, grazie GioGio per le simpatiche cronache gastro-olfattive :-D

Giorgiorgio ha detto...

Non c'è di chè mio caro Ejacula!!
Mi raccomando, la rigozzata sempre e solo dopo un bel raschiamento di ggola (per dirlo alla lucchese!)

;)

lucia ha detto...

ma che schifo.
e te l´avró spiegato mille volte.
noi si raddoppia le consonanti dopo la preposizione "a" (cosa peraltro correttissima, tipo vado a ccasa) e dopo l´articolo i.
(cosa un po´piú brutta...diciamo che fa caá, "i dditi" "i ffunghi"...).
ma NON dopo di.
nessun lucchese dice di ggola. al limite qualche garfagnino o versiliese (nel senso di pietrasantino...ma se a lorolí ni dai del "lucchese" si incazzano e di molto.
studia!!!

Giorgiorgio ha detto...

te hai ragione Lucia, ma io la ggola la volevo raddoppiare e non sapevo come fare! Licenza poetica! :P