domenica 10 agosto 2008

Edifici Olimpici

La Cina ha investito miliardi di dollari e impiegato enormi sforzi per mostrare la sua potenza sfruttando l’occasione dei giochi olimpici.
Alla fine dei giochi di Atene 2004 dichiarò di voler conquistare una medaglia in ogni disciplina. Effettivamente a quei giochi arrivarono secondi nel medagliere dietro solo agli USA ed anche ora non sono partiti malissimo (ci avevano sperato contro gli USA eh!! Ho visto la partita coi cinesi, a un certo punto avevano le mani sugli occhi come fanno le donne durante i film horror!!).
Il puntare sulla forza atletica per dimostrare una “superiorità” mi ricorda tanto lo spirito con il quale la Germania di Hitler accolse le olimpiadi. E questo stesso spirito, come ogni regime che si rispetti, oltre che dal corpo del cittadino deve essere rappresentato anche dalla gloriosità delle costruzioni. E non c’è che dire: Pechino si è frugata nelle danarose tasche e, assoldando i più geniali architetti e ingegneri (occidentali però, badate bene!!), si è dotata di strutture che lasciano a bocca aperta e ha potenziato enormemente le sue infrastrutture (su tutte la metropolitana e i nuovi bus).

Il bellissimo stadio Bird Nest ne è un esempio. Purtroppo per “la sicurezza” l’accesso nei giorni precedenti l’apertura dei giochi era interdetto perfino agli atleti, quindi ho potuto fare foto solo da lontanissimo! Direi che ormai è diventato il simbolo delle olimpiadi e non c’è persona che non lo conosca!





L’unico mio dubbio è…ma quanto ci metterà a diventare tutto ossidato??? La struttura “a nido” è d’acciaio e secondo me una struttura del genere, con l’inquinamento e le piogge acide che caratterizzano Pechino, è destinata a scurirsi e ossidarsi…diventare inguardabile, anche perché c’è da scommettere che dopo le olimpiadi nessuno si curerà più della sua manutenzione: ai cinesi, come del resto a me, basta che le cose funzionino…l’estetica è un vezzo da stranieri occidentali!

Altro famosissimo edificio è quello che ospita le gare di nuoto, il water cube, che mi affascina in particolar modo! È un parallepipedo a base quadrata, completamente ricoperto di una particolare plastica pneumatica che forma quindi dei cuscinetti gonfiabili, rendendo bombata tutta la superficie. Decisamente un’idea originale, ovviamente non c’è mai stato verso di entrarci o di vederlo da vicino perché ho una sfiga immane…quando c’erano delle gare particolari e non si poteva entrare nel complesso olimpico, quando era chiuso per la sicurezza e bla bla bla, insomma anche qui ci dobbiamo accontentare di foto da lontano e ricostruzioni al computer, ma vale la pena, questo edificio è veramente una genialata!!





Questa invece è una bellissima immagine della pulizia del water cube che ho trovato su Boston.com, dove ci sono altre foto stupende della Pechino olimpionica!
(come per le altre foto, cliccare per ingrandire)





Molto molto meno conosciuto è, invece, il grattacielo a forma di fiaccola olimpica, l'Olympic Torch Building che si trova sempre nello stesso complesso! Ci si sono impegnati, eh, in quel pezzettino di terra!!
La cima della torre ha una forma che simboleggia la fiamma della torcia olimpica e su 3 dei suoi lati sono stati incastonati enormi e definitissimi monitor…roba da pazzi, non oso pensare il costo di tutto l’ambaradan!! Però decisamente suggestivo!





Questa è una visuale carina, sempre tratta dallo stesso sito linkato prima, del water cube e della torciona!





L’ultimo edificio di cui voglio postare un po’ di foto è sconosciuto ai più ed è un’ingiustizia! È un complesso che mi son trovato di fronte per caso e all’improvviso, mentre passeggiavo nelle vicinanze di Piazza Tian ‘an men. The egg, ovvero il Teatro Nazionale di Pechino. Un complesso ellissoidale, mostruoso in dimensioni e tuttavia difficile da notare perché circondato da altri altissimi palazzi. Ma bellissimo, avveniristico, circondato da un fossato d’acqua e da altre soluzioni moderne per l’ingresso. Lo sguardo non basta per ammirarlo tutto dal lato più ampio e non posto le mie foto perché senza grandangolo mi son serviti 3 scatti in sequenza panoramica!





e ancora, dall’ottimo boston.com, un bel grandangolo come si deve e un dettaglio delle vetrate. Molto carina la soluzione della passatoia giusto sotto il pelo dell’acqua per arrivare alla struttura.





Insomma, questi qua per far bella figura si sono impegnati veramente di brutto brutto brutto, spendendo e spandendo miliardi e miliardi di dollari, a fronte di un rientro economico dubbio (non credo che vendendo tutti i biglietti o con gli sponsors riescano a rientrare nelle spese…) ma di un sicuro guadagno di immagine in termini di modernità e affidabilità. È l’unica cosa che interessa loro, di soldi ne hanno fin troppi con un PIL che cresce del 10% l’anno (forse il 13% !).
Credo che la Cina sia comunque riuscita in buona parte nel suo intento. Nonostante le critiche per la mancanza di diritti umani, nonostante le polemiche sull’inquinamento (c’è, non c’è, non c’è più…), nonostante alcune carenze organizzative dovute alla naturale propensione dei cinesi all’improvvisazione su temi che non conoscono, direi che Pechino è comunque riuscita a dare quello che la maggior parte del mondo si aspettava: dei buoni Giochi Olimpici. E l’impressione di poter entrare, sfondando la porta, fra le più potenti nazioni economiche del mondo. Piano piano, molto piano, stanno riempiendo i gap che li separa da una buona efficienza.

E nonostante molti dicano che quei soldi spesi per queste costruzioni potevano essere spesi meglio e per altre infrastrutture…beh, probabilmente con questo tipo di ragionamento non avremmo il colosseo, le piramidi, la Cappella Sistina, la Sagrada Famiglia e le opere di Gaudì, la Fiat Duna e chi più ne ha più ne metta!!!


6 commenti:

lucia ha detto...

bello!!! ma lo stadio a nido l´avranno fatto di acciaio inossidabile no?
al limite scurirá in superficie ma basterá una lavatina... non credo che possano aver fatto un coso cosí bello per farlo "arrugginire" non siamo mica a italia novanta! ehehehe

Giorgiorgio ha detto...

beh, che sia acciaio inossidabile lo dò per scontato, sennò che l'inferno se li prenda davvero!! hahaha!!

si, appunto, al massimo si ossiderà scurendo e...scommetti che nessuno lo pulirà?? ^__^'

lucia ha detto...

e come fa a ossidarsi se é inossidabile?
:)
oh, in questi giorni si sembra tutti e due in un film sugli autistici!

Giorgiorgio ha detto...

seeee,niente è inossidabile, nemmeno l'oro, se ci piove sopra acido solforico con piogge acide!!

daniela ha detto...

che significa "...come le donne durante i film horror!!"?!?!?!?
Non generalizziamooo!!!
Ho visto "uomini" dall'espressione nauseata di fronte a film del genere mentre io ero rapita ed estasiata!!! :D :P

Giorgiorgio ha detto...

seeeeeeeee, vai, ti ci voglio vedere a non tremare come una foglia davanti a un bel film horror come si deve!!
cmq è vero dai, le donne lo fanno, si tappano gli occhi però lo vogliono vedere lo stesso, mi fanno morì!! hahahaha!!